Una capacità di oltre 200 somministrazioni giornaliere, 50 aziende aderenti al momento e 600 lavoratori prenotati: sono i numeri del punto per la vaccinazione contro il Covid di Confindustria Umbria, inaugurato al Palaeventi del Teatro Lyrick di Santa Maria degli Angeli, ad Assisi.

Dedicato alle vaccinazioni dei dipendenti delle imprese umbre, il centro sarà operativo da mercoledì 21 luglio.

L’iniziativa, promossa da Confindustria Umbria, è stata realizzata con il patrocinio e la co-organizzazione del Comune di Assisi, che ha messo a disposizione la struttura, e in collaborazione con il comitato regionale Umbria della Croce rossa che, attraverso il comitato di Assisi, si occuperà della gestione logistica e sanitaria del processo vaccinale.

“E’ un giorno importante” ha affermato il presidente di Confindustria Umbria, Antonio Alunni. “Il tema della vaccinazione – ha aggiunto – è molto attuale e realizzare un nuovo centro vaccinale dedicato alle imprese è significativo, perché sono il nervo produttivo della nostra economia. La volontà di Confindustria Umbria è mettere questo hub a disposizione di tutte le imprese della nostra regione. A questo scopo coinvolgeremo le altre associazioni di categoria”.

Per la presidente della Regione, Donatella Tesei, “l’inaugurazione di oggi è un segno tangibile che si può fare squadra con successo”. “Dobbiamo spingere sulla campagna vaccinale – ha affermato -, sensibilizzare la popolazione perché questa è l’unica arma che ci può consentire di mettere in sicurezza la comunità dal punto di vista sanitario e per garantire la tenuta socio-economica del nostro paese. Dobbiamo fare ogni sforzo per non rivivere le chiusure del passato. Dobbiamo essere preparati a reiterare la campagna vaccinale per almeno due anni. In quest’ottica un luogo come questo può rivestire un ruolo importante”.

Presenti all’inaugurazione anche la sindaca di Assisi, Stefania Proietti, il commissario per la gestione dell’emergenza Covid in Umbria, Massimo D’Angelo, e il presidente del comitato regionale Umbria della Croce Rossa, Paolo Scura.