Record di vaccinazioni ieri in Umbria, dove è stata superata la soglia delle 10 mila dosi giornaliere somministrate. “Questo sta a dimostrare che la potenzialità c’è, ci fossero anche le dosi saremmo molto ma molto più avanti” ha sottolineato l’assessore regionale alla Salute, Luca Coletto, fornendo i dati nel corso dell’aggiornamento sull’avanzamento della campagna vaccinale.

“Stiamo cercando di andare a vaccinare sempre più fragili e vulnerabili – ha detto ancora Coletto -, per quanto riguarda i sessantenni siamo a buon punto rispetto a quando venivamo a messi all’indice. Pian piano recupereremo tutti, la vaccinazione deve essere consapevole”.

“Sopra ai 60 anni siamo oltre all’85% – ha spiegato Enrica Ricci, dirigente del servizio Prevenzione della Regione – mantenendo la prima posizione per gli over 80 e la terza per le fasce 70-79 e 60-69. Tutte le altre categorie hanno ampi valori di percentuali per la prima dose. La riattivazione della somministrazione agli under 30, che verranno completati nelle prime due settimane di agosto, ci permetterà di raggiungere il 75% della popolazione vaccinata, tutta quella che ha dato l’adesione finora”.

Confermate le proiezioni secondo cui l’immunità della popolazione umbra sarà raggiunta intorno alla metà di settembre. “Ma – ha sottolineato ancora Coletto – dipende dal numero di dosi consegnate”.