L’azienda ospedaliera di Perugia registra il record di donazione di latte materno con i 150 litri donati da una sola mamma, da gennaio a maggio 2021 alla Banca del latte umano donato “Maria Serena Lungarotti” dell’ospedale. La signora Caterina, viterbese, 37 anni – riferisce una nota dell’ospedale – a gennaio scorso ha partorito il suo secondogenito Cristiano di 24 settimane e 690 grammi di peso e in ciqdurante i mesi di ricovero del figlio ha voluto donare il latte eccedente (150 litri) alla banca del latte.

“Ringrazio tutto il personale sanitario della Neonatologia e Terapia intensiva neonatale dell’ospedale di Perugia – dice Caterina nella nota – per essermi stato vicino in questo periodo particolare della mia vita e per avermi supportata con utili consigli durante questi mesi di donazione. Aver donato il mio latte è stato per me un semplice gesto di solidarietà nei confronti dei piccoli e delle mamme che non hanno avuto la mia stessa fortuna”.

Il direttore sanitario dell’azienda ospedaliera di Perugia, Giuseppe De Filippis, ha voluto ringraziare personalmente la signora Caterina per il grande gesto di umanità. Normalmente sono 15 i litri donati in media da una donatrice.

“La donazione del latte materno rappresenta una possibilità eccezionale per i neonati prematuri – afferma la dottoressa Stefania Troiani, direttore del Neonatale e della Terapia intensiva neonatale dell’ospedale di Perugia – in quanto promuove, oltre allo sviluppo fisico, anche quello cerebrale migliorando gli aspetti neuroevolutivi e determina una riduzione della durata della degenza ospedaliera, offrendo una protezione a medio-lungo termine sul rischio cardiovascolare e metabolico. Dal 2013 ad oggi abbiamo avuto 255 donatrici e raccolto 1010 litri di latte, ponendosi come alternativa al latte artificiale per 693 neonati patologici ricoverati presso la nostra struttura”.