Nei giorni scorsi la Polizia di Orvieto riceve una segnalazione di un’auto sospetta che da alcuni giorni sosta nell’area di servizio Fabro Est con a bordo due persone, una donna ed un ragazzo. Gli agenti di Polizia una volta raggiunta l’auto, una Fiat Panda, si rendono conto che i due sono una mamma ed il proprio figlio. La donna riferisce alla Polizia, con un certo imbarazzo, che a causa di una situazione famigliare complessa ha perso il lavoro e la situazione economica è inevitabilmente precipitata tanto da farle perdere la casa dove abitava con il figlio. Non avendo più un posto dove dormire si erano adattati a dormire nella macchina. Da circa una settimana si erano fermati nell’area di servizio per poter usufruire dei servizi igienici e potersi lavare. Il fatto che aggiungeva maggior coinvolgimento e commozione era che la signora si era fermata a Fabro perchè da piccola suo padre la portava sempre a Città Della Pieve e quindi quei luoghi ed i ricordi le davano un po di sostegno. I poliziotti colpiti da questa dolorosa e triste vicenda, non esitavano ad acquistare vari generi alimentari che consegnavano insieme ad un piccolo aiuto economico incoraggiando la donna ed il figlio a tenere duro per andare avanti in attesa di un futuro migliore.