PROSEGUE L’ATTIVITA’ DI CONTRASTO DELL’ARMA IN MATERIA DI REATI IN DANNO AGLI ANIMALI. DURANTE UN CONTROLLO AMMINISTRATIVO ATTIVATO SU SEGNALAZIONE DI UN CITTADINO alla Centrale Operativa dei Carabinieri, MILITARI DELLA STAZIONE CARABINIERI FORESTALE DI CONTIGLIANO (RI) HANNO PROVVEDUTO ALL’IMMEDIATO SEQUESTRO DI 15 CANI TRASPORTATI ALL’INTERNO DI UN CARRELLO TRAINATO DA UN’AUTOVETTURA. I CANI, DI RAZZA SEGUGIO, ERANO INFATTI MANTENUTI IN CONDIZIONI NON IDONEE E INCOMPATIBILI CON LA LORO NATURA, STIPATI ALL’INTERNO DI UNO SPAZIO ESTREMAMENTE ESIGUO, SOTTOPOSTI A TEMPERATURE MOLTO ELEVATE PER LA CONTINUATIVA ESPOSIZIONE AL SOLE, SENZA DISPONIBILITA’ DI CIBO E ACQUA.

CRUCIALE SI è RIVELATA LA COLLABORAZIONE ASSICURATA AI MILITARI DAL SERVIZIO VETERINARIO DELLA ASL DI RIETI, IL CUI PERSONALE è INTERVENUTO SUL POSTO, PER ATTESTARE L’INIDONEITA’ DELLE MODALITA’ DI TRASPORTO E LE GRAVI SOFFERENZE CUI GLI ANIMALI ERANO SOTTOPOSTI. in attesa di trovare a breve una consona sistemazione alternativa, tutti gli esemplari sono stati affidati in temporanea giudiziale custodia al SINDACO, PER LA LORO DETENZIONE PRESSO IDONEA STRUTTURA.

HA FATTO SEGUITO AL SEQUESTRO DEGLI ANIMALI, IL DEFERIMENTO ALL’AUTORITà GIUDIZIARIA DEL TRASPORTATORE E PROPRIETARIO – CON PRECEDENTI DI POLIZIA – PER LE IPOTESI DI REATO PREVISTE DAL CODICE PENALE IN MATERIA DI MALTRATTAMENTO ANIMALE. LE CONDOTTE, QUALORA CONFERMATE NEL CORSO DELLE INDAGINI, DIRETTE DALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI RIETI, POTREBBERO PORTARE ALLA PENA DELLA RECLUSIONE SINO A DICIOTTO MESI O AL PAGAMENTO DI UNA MULTA SINO A 30.000 EURO.

L’attività DEI CARABINIERI FORESTALI assume rilievo perché pone nuovamente l’attenzione sull’importanza della cura del benessere degli animali, CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA FASE DEL TRASPORTO, DURANTE LA QUALE GLI ESEMPLARI SONO SOLITAMENTE SOTTOPOSTI A UN GRAVE STRESS PSICO-FISICO.