È stato completato ieri il primo ciclo di vaccinazioni con vaccino Pfizer ai dipendenti di AST Acciai Speciali Terni presso l’hub vaccinale allestito da AST e gestito da Salvati Diagnostica nei locali dell’azienda. La somministrazione della prima dose si è svolta puntualmente entro i tempi previsti, sotto lo stretto controllo e con il consenso autorizzativo delle autorità preposte.

Il punto vaccinale organizzato da AST e Salvati Diagnostica rappresenta la prima esperienza, in Umbria, di un’azienda sanitaria privata autorizzata dalla Regione a somministrare vaccini anti-Covid presso i locali di una struttura aziendale.

 

“È stato scrupolosamente seguito il protocollo, edito dalla Regione, che contiene le indicazioni sull’attivazione dei punti vaccinali e su come effettuare le vaccinazioni nei luoghi di lavoro” spiega il Dott. Salvati.

“Nel richiedere l’autorizzazione alla Regione, l’AST ha indicato la nostra struttura per la gestione del punto vaccini aziendale in quanto Salvati Diagnostica è in possesso di tutti i requisiti richiesti, l’accreditamento presso la Regione e la disponibilità di un team vaccinale preparato e competente. Il nostro personale sanitario è stato adeguatamente formato per la somministrazione dei vaccini, o con un apposito corso di formazione dell’Istituto Superiore di Sanità e/o con un training svolto direttamente presso il centro vaccinale della ASL di Terni.”

 

Salvati Diagnostica ha dunque messo a disposizione il personale medico e amministrativo ed i dispositivi sanitari necessari ad allestire l’hub vaccinale. Le prenotazioni sono invece state gestite in modo centralizzato da Umbria Digitale.

“Altre aziende umbre si sono rivolte a noi in queste settimane per replicare il nostro modello” dice il Dott. Salvati. “Siamo molto soddisfatti della macchina organizzativa che siamo stati in grado di allestire e che ha funzionato con professionalità, efficienza e sicurezza, nel rispetto dei tempi stabiliti. Adesso siamo pronti a iniziare il secondo ciclo di vaccinazioni dei dipendenti AST, come previsto.”

“È significativo e importante il segnale che AST, insieme a Salvati Diagnostica – continua il Dott. Salvati – ha voluto dare alla città e all’intera regione: dimostrare come la sinergia tra sanità privata e regionale possa portare tempestivamente alla vaccinazione di centinaia di lavoratrici e lavoratori presso una struttura allestita all’interno dell’azienda stessa.”

I lavoratori vaccinati potranno vivere il quotidiano in famiglia, in società e nel posto di lavoro con maggiore sicurezza e tranquillità, creando così i presupposti perché la vita sociale e lavorativa continui, mantenga i giusti equilibri e contribuisca alla ripresa economica di Terni e dell’Umbria.

Tutto pronto quindi per dare il via alla seconda fase dei vaccini: il ciclo dei richiami sarà dunque completato entro il mese di agosto.