Revocata dal gip di Perugia la sospensione dall’esercizio di un pubblico ufficio disposta per la professoressa Stefania Spina coinvolta nell’indagine sull’esame per certificazione della conoscenza dell’italiano sostenuta da Luis Suarez all’Università per Stranieri di Perugia. Il giudice ha così accolto un’istanza del suo difensore, l’avvocato David Brunelli, al quale ha dato parere favorevole il pubblico ministero.

Spina è stata indagata quale già direttrice del Centro di valutazione e certificazioni linguistiche della Stranieri, dove è professore ordinario. Fu la docente del corso online sostenuto da Suarez in vista della prova.

Nella richiesta al gip, l’avvocato Brunelli ha ricordato che le indagini preliminari sono ormai concluse e gli interrogatori ai quali ha risposto la docente. Un quadro che per il suo difensore rende “del tutto inverosimile che la professoressa Spina una volta ripresa l’attività professionale svolta con estrema dedizione da tanti anni a questa parte, commetta reati della stessa specie di quelli per cui si procede”. Il legale ha quindi definito la sua assistita “profondamente provata in conseguenza della vicenda che l’ha travolta”.

Il gip ha quindi ritenuto cessate le esigenze cautelari “in ragione del tempo trascorso e dell’avanzato stato del procedimento”.