“Mai così in basso le relazioni in questa città”. In una propria nota congiunta Cgil, Cisl e Uil di Terni denunciano da mesi la mancanza di confronto con il sindaco del Comune di Terni e più in generale l’approccio complessivo dell’amministrazione.

“Avevamo evidentemente ragione . Dicono – anche a denunciare a più riprese la mancanza di relazioni con il presidente dell’Asm, perfetto sconosciuto”.

I tre sindacati ricordano come nell’unico incontro tenuto con l’assessore alle Partecipate del Comune di Terni a palazzo Spada, avevano paventato il rischio che poi, purtroppo, si è verificato in queste ore.

“Senza entrare nel merito della vicenda – scrivono in una nota i tre sindacati – rimarchiamo come non sia accettabile per le organizzazioni che rappresentano lavoratrici e lavoratori di Asm, venire a conoscenza dell’avviso di procedura di evidenza pubblica per l’individuazione di un partner privato, attraverso mezzi stampa. E solo in seguito essere raggiunti tramite una telefonata dai responsabili Asm”.

“Riteniamo vergognoso e irrispettoso per le lavoratrici e i lavoratori di Asm questo metodo – continuano i tre sindacati – che rischia di far sgretolare giorno dopo giorno i rapporti sociali costruiti negli anni, con conseguenti ricadute negative sul territorio”.

“Comprendiamo gli impegni istituzionali e le attenzioni del sindaco verso altri soggetti – concludono Cgil, Cisl e Uil di Terni – ma riteniamo grave che il primo cittadino non abbia come priorità il coinvolgimento, la partecipazione e la condivisione con le parti sociali di scelte fondamentale per il futuro dell’intera comunità”.