Una cittadina bulgara di 66 anni, impiegata come badante in una famiglia ternana, è stata denunciata dalla Polizia di Stato di Terni, dopo che la Squadra Volante era intervenuta, chiamata dai figli della signora che accudiva.

La donna era stata trovata dai familiari dell’anziana, malata di Alzheimer, completamente ubriaca e perciò non in grado di svolgere il proprio compito.

Già una volta, la badante era stata perdonata dalla famiglia, dopo che non si era accorta che l’anziana signora, ultraottantenne, era uscita da sola di casa; l’intervento dei vicini, che avevano avvisato i figli, aveva scongiurato il peggio.

Questa volta la denuncia è scattata d’ufficio per abbandono di persona incapace; inoltre, venendo meno il rapporto fiduciario, la donna è stata licenziata.