I funzionari Adm (Agenzia dogane e monopoli) di Perugia in servizio all’Aeroporto “San Francesco d’Assisi”, in collaborazione con i militari della guardia di finanza, hanno fermato e sottoposto a controllo un passeggero italiano proveniente dalla Turchia con un volo privato, che aveva con sé due contenitori al cui interno è stata trovata una partita di “carne e suoi derivati”.

La partita di generi alimentari è stata sottoposta a sequestro in quanto mancante del previsto certificato che autorizza l’introduzione nella Comunità europea di scorte di origine animale ai sensi del Regolamento CE 206/2009.

Nonostante il periodo di emergenza sanitaria abbia ridotto notevolmente il traffico aereo, prosegue l’impegno di Adm nel contrasto al traffico e detenzione di prodotti alimentari, beni contraffatti, stupefacenti e valuta oltre le soglie consentite dalla vigente normativa.