Ha preso il via oggi l’annunciato screening anti-Covid sui dipendenti dell’amministrazione provinciale di Terni. Sono 142 quelli che – su base volontaria – si sottoporranno, fino a domani, ai test pungidito svolti dall’equipe medica della funzione associata di Protezione civile dell’orvietano.

Il Presidente della Provincia di Terni, Giampiero Lattanzi, tiene a sottolineare come questa “sia una delle pochissime, se non l’unica Provincia in Italia ad aver eseguito test di questo genere. E’ un fatto importante – prosegue – soprattutto a fini sanitari e di salute pubblica per evitare che soggetti asintomatici possano inconsapevolmente operare in luoghi pubblici dove circolano dipendenti e cittadini e creare potenziali focolai”.

Per l’esecuzione dei test è stata individuata la sala “Secci” che ospita il consiglio provinciale. I responsabili sanitari l’hanno ritenuta ottimale perché in grado di offrire ampi spazi e ricircolo d’aria.

L’iniziativa si inserisce nel sistema di sicurezza che l’ente ha attivato da mesi con sanificazioni e igienizzazioni costanti di tutti gli uffici e dei locali di Palazzo Bazzani utilizzati dall’amministrazione provinciale.

Lattanzi ricorda anche che la collaborazione con le autorità sanitarie e la Protezione civile è stata già “messa in atto positivamente” con l’apertura del punto vaccini alla palestra dell’istituto Casagrande di piazzale Bosco, di proprietà della Provincia.