Tre casi di positività su oltre una sessantina di tamponi per la ricerca del Covid prelevati da diverse superfici sono stati riscontrati in Umbria dai carabinieri del Nas nell’ambito dei controlli svolti a tutela della salute collettiva nel periodo di emergenza sanitaria. In particolare d’ intesa con il Ministero della Salute, è stata condotta una campagna di verifiche a livello nazionale presso i supermercati, al fine di accertare la corretta esecuzione delle operazioni di sanificazione degli ambienti e delle attrezzature per limitare il contagio da Covid-19.

Il Nas di Perugia – comandato dal tenente colonnello Giuseppe Schienalunga – ha riscontrato in due supermercati, uno a Gubbio e l’altro a Terni, tre positività di tamponi prelevati su una bilancia di un bancone del reparto di gastronomia e, nel secondo caso, sul Pos per le carte di pagamento elettronico e sul manico del carrello. Sono state disposte la sanificazione di entrambe le attività e tamponi per tutto il personale dipendente. Tutti i tamponi risultati positivi hanno comunque evidenziato una bassa carica virale.

In Umbria i controlli sono stati svolti in collaborazione con le Asl e con il laboratorio di microbiologia dell’Azienda ospedaliera di Perugia.