Al momento, non risultano – all’Usl Umbria 2 – segnalazioni da parte di pazienti e utenti riguardo ad anomalie o pubblicazioni non autorizzate di dati personali sensibili, dopo l’attacco informatico che domenica ha violato il sistema informatico della stessa azienda sanitaria.

È quanto si apprende all’indomani della comunicazione con cui il direttore generale, Massimo De Fino, ha reso noto la possibilità che gli autori dell’attacco, al momento ignoti, possano aver avuto accesso e aver sottratto alcuni dati personali custoditi dall’Usl Umbria 2 e che possano quindi essere poste in essere “azioni ritorsive quali ad esempio la pubblicazione di talune delle informazioni sottratte”.

Le indagini sulla vicenda tutt’ora in corso – dopo la denuncia sporta dall’azienda sanitaria – sono condotte dalla polizia postale, sotto il coordinamento della procura di Terni, nel più stretto riserbo.

L’Usl ha invitato eventuali interessati a richiedere ulteriori informazioni contattando il responsabile della protezione dei dati all’indirizzo e-mail dpo@uslumbria2.it oppure agli uffici all’indirizzo violazioni@uslumbria2.it