Si è proclamato innocente Roberto Lo Giudice, arrestato lo scorso 30 marzo con l’accusa di omicidio volontario della moglie, Barbara Corvi, la 35enne di Montecampano di Amelia scomparsa il 27 ottobre 2009, nel corso di un lungo interrogatorio davanti al procuratore di Terni Alberto Liguori.

Il confronto è durato circa sei ore, durante le quali l’uomo ha dato la propria versione dei fatti, respingendo ogni accusa di coinvolgimento nella sparizione e nella morte della donna, il cui corpo non è mai stato trovato.

“Elementi, questi – spiega all’ANSA il procuratore capo Alberto Liguori – che confronteremo e sovrapporremo con gli elementi di indagine finora raccolti”.

A richiedere l’interrogatorio erano stati i difensori di Lo Giudice che nei giorni scorsi hanno anche presentato richiesta di revoca della misura cautelare in carcere al tribunale del Riesame.