L’Umbria ha un Rt per il Covid a 0,81, secondo la media mobile, mentre a livello nazionale è a 0,96. Lo hanno detto gli epidemiologi della Regione nel corso della conferenza stampa settimanale di aggiornamento sull’andamento della pandemia.

“Questo fa ben sperare almeno per ridurre l’incidenza per 100 mila abitanti” ha detto Marco Cristofori.

Gli epidemiologi hanno rilevato che “continua la discesa della curva epidemica, in contro tendenza con l’andamento nazionale”.

“Avendo anticipato le misure di restrizione nel momento in cui avevano una risalita dei casi – ha spiegato Critofori – abbiamo investito la tendenza e il picco continua a scendere. E non era scontato perché abbiamo nella seconda ondata una prevalenza altissima di varianti. L’ultima valutazione dell’Istituto superiore di sanità dà in Umbria il 51 per cento di prevalenza di quella inglese e del 36 % di quella brasiliana”.