Prenderanno il via il primo aprile prossimo, in Umbria, le prenotazioni e le vaccinazioni anti Covid per i cosiddetti “fragili” e per le persone comprese nella della fascia d’età 70-79 anni, mentre proseguirà il completamento degli ultraottantenni. Lo prevede il nuovo piano vaccinale della Regione Umbria, illustrato oggi dal commissario per l’emergenza Covid Massimo D’Angelo, nel corso della conferenza stampa d’aggiornamento settimanale sull’andamento della situazione covid. Presenti anche la presidente della Regione Donatella Tesei, l’assessore umbro alla Salute, Luca Coletto ed il direttore regionale alla Salute, Claudio Dario.

Entro maggio – è stato annunciato – è previsto il completamento della somministrazione della prima dose. Entro giugno, invece, sarà completata la seconda dose per i fragili. Entro agosto, inoltre, ci sarà la conclusione della seconda dose per la categoria 70-79 anni. Successivamente si passerà alla categoria 60-69 e poi al resto della popolazione, seguendo il criterio delle fasce di età.

Nel piano è prevista l’attivazione anche di ulteriori punti vaccinali territoriali e l’ampliamento dei team vaccinali “dove possibile, per garantire l’intervento di prossimità” ha commentato D’Angelo. Al momento sono 17 i punti vaccinali territoriali con 33 team con capacità di quasi 4 mila somministrazioni al giorno. Saranno ampliati anche gli orari dei punti vaccinali ospedalieri, con turni pomeridiani.

“Se arriveranno altri vaccini, specialmente monodose – ha concluso il commissario straordinario regionale per l’emergenza Covid – tutti questi tempi saranno anticipati”.