Continua incessante l’azione delle Fiamme Gialle ternane a contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti. A finire in manette, questa volta, è stato un trentenne di origini albanesi trovato in possesso di oltre cinque chilogrammi di hashish. In particolare, i militari del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Terni incuriositi dal comportamento di un automobilista che si aggirava in un quartiere residenziale della periferia, hanno sottoposto a controllo il veicolo ed il conducente. L’uomo fermato, residente a Roma, non ha saputo giustificare la propria presenza in città e ha mostrato evidenti segni di agitazione. Insospettiti dalle circostanze e dal particolare odore presente all’interno del veicolo, i militari hanno sottoposto a perquisizione l’autovettura e hanno trovato, abilmente occultata in un vano ricavato all’interno dell’abitacolo, la sostanza stupefacente confezionata in 50 panetti del peso di circa 100 grammi l’uno, pronti per essere venduti. La Guardia di Finanza ha sequestrato l’hashish, il veicolo utilizzato per il trasporto, due telefoni cellulari e denaro in contanti e arrestato il 30enne albanese.
Il cittadino è stato anche sanzionato amministrativamente per la violazione alle disposizioni vigenti in materia di contenimento della diffusione del virus da Covid-19, avendo inosservato i divieti di spostamento tra Regioni senza comprovate motivazioni.