La Cgil di Terni esprime forte preoccupazione per l’annuncio della chiusura della redazione di Tele Galileo. Ciò rappresenta un ulteriore indebolimento sotto il profilo culturale e della libera informazione per la comunità ternana.

Tele Galileo ha rappresentato per anni un punto di riferimento per molti cittadini, permettendo di seguire gli avvenimenti di diversa natura presenti in città, attraverso una informazione sempre attenta e puntuale a dar voce al territorio.

Oggi l’insieme della comunità è più debole perché quando si riducono gli spazi democratici di informazione e partecipazione non è mai buon segnale.

Siamo vicini ed esprimiamo la piena solidarietà ai lavoratori e alle lavoratrici coinvolte che da troppi anni, insieme ad altri dello stesso settore, hanno visto un progressivo indebolimento e una riduzione dei propri spazi lavorativi, nonostante l’impegno costante e la professionalità profusa.

Auspichiamo che l’insieme dei soggetti operanti nel territorio affronti questi temi per ridare alla città tutta un profilo, almeno sugli aspetti dell’informazione, capace di poter rappresentare la voce e i bisogni di un territorio che altrimenti sarà sempre più isolato.

Claudio Cipolla,

segretario generale Cgil Terni