E’ di un arrestato, due indagati e 2.034 persone controllate il bilancio dell’attività messa in atto, nell’ultima settimana, del Compartimento Polizia Ferroviaria per le Marche, l’Umbria e l’Abruzzo. 225 le pattuglie impegnate in stazione, 37 a bordo treno e 48 i servizi di pattugliamento predisposti.

In particolare, la Polizia Ferroviaria di S. Benedetto, durante un servizio a bordo di un treno notturno a lunga percorrenza nella tratta Milano – Bari, ha arrestato un cittadino italiano che, da un controllo nella Banca dati S.D.I., è risultato essere destinatario di un provvedimento di custodia cautelare agli arresti domiciliari presso la propria abitazione, emesso dal Tribunale di Bari.

Il personale del Posto Polfer di Giulianova ha denunciato in stato di libertà un cittadino italiano per essersi rifiutato di fornire le proprie generalità minacciando il capotreno di un regionale nella tratta Sulmona -Teramo.

A Pescara, la Polizia Ferroviaria ha contravvenzionato, all’interno della stazione, un cittadino italiano perché più volte ammonito, si rifiutava di indossare la mascherina di protezione.