I carabinieri di Città di Castello, dopo una serie di indagini, hanno denunciato a piede libero nove giovani del posto, con età comprese fra i 18 e i 28 anni, che avrebbero partecipato ad una rissa, alcuni dei quali riportando lesioni giudicate guaribili in pochi giorni dai sanitari che li hanno curati.

Gli stessi, inoltre, insieme ad altri sette giovani che pur non avendo partecipato alle violenze si sarebbero accalcati nei pressi, sono stati sanzionati amministrativamente per violazione del divieto di assembramento.

I fatti risalgono alla sera del 20 dicembre quando, quando al 112 erano giunte alcune segnalazioni di un litigio in atto in piazza Matteotti. La pattuglia della stazione di Città di Castello, giunta sul posto, aveva trovato soltanto un ventitreenne, visibilmente ubriaco, il quale alle richieste dei militari aveva risposto con insulti ed offese. Il giovane era stato quindi denunciato per oltraggio a pubblico ufficiale e sanzionato amministrativamente per ubriachezza. Nei giorni successivi sono state acquisite le immagini dell’impianto di videosorveglianza del Comune. Dai video è stato possibile ricostruire che, poco prima dell’arrivo dei militari, si era verificata una vera e propria rissa tra giovanissimi.