Cosa non si farebbe per amore. Nel corso della mattinata di venerdì a Terni, dopo la presentazione dapprima della denuncia di “smarrimento” e, successivamente, di quella di “furto” della propria carta di credito sporta da un anziano ottantenne di Arrone, i Carabinieri hanno denunciato per i reati di”ricettazione” e di ”indebito utilizzo di carta di credito” una donna, sempre di Arrone, di una ventina di anni più giovane. Quest’ultima veniva identificata quale l’autrice dell’acquisto di beni di vario genere in diversi negozi di Terni con la carta di credito dell’uomo, ed infatti nel corso della perquisizione domiciliare  tali beni (per un valore complessivo di circa 1100euro) venivano in parte recuperati e posti sotto sequestro. La donna, che si era da subito dichiarata innocente, respingeva ogni addebito dichiarando di intrattenere una relazione con il denunciante che, a suo dire, gli aveva spontaneamente ceduto la carta di credito. E … come avviene nelle migliori pièce teatrali … il colpo di scena, mentre la donna era negli uffici della Caserma dei Carabinieri, riceveva una telefonata dall’amante, udita in viva-voce dagli operanti, durante la quale l’uomo\denunciante la esortava a negare ogni addebito, promettendo di farsi carico della situazione. La telefonata è costata cara all’anziano innamorato, che è stato deferito sempre alla Procura di Terni per l’ipotesi delittuosadi ”simulazione di reato”.

L’ASSESSORA (FDL) PERUGINA COME JAKE LO SCIAMANO, BUFERA SOCIAL