Un italiano di 56 anni, incensurato, è stato arrestato dalla polizia di Terni con l’accusa di avere violentato per anni tre minori, due sorelle e la cugina di queste. A carico dell’uomo è stata eseguita una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip.

L’indagine – spiega la Questura di Terni – ha preso le mosse dalla segnalazione di una psicologa che segue una delle tre giovani, appena minorenne, che si è confidata con lei riferendo di essere stata vittima di abusi sessuali, da parte di un parente acquisito, fin dall’età di cinque anni. La professionista si è quindi rivolta alla squadra mobile di Terni.

Le presunte violenze – è emerso dall’indagine coordinata dalla procura di Terni – sarebbero avvenute per lo più nell’abitazione dell’uomo, in un comune della provincia, nella quale la minorenne trascorreva del tempo in virtù del legame di parentela con la famiglia dell’arrestato.

Le indagini hanno poi permesso di fare luce su quelli che sono ritenuti ulteriori, presunti abusi sessuali da parte dell’uomo nei confronti della sorella, oggi maggiorenne. Questa – riferisce sempre la questura – ha dichiarato infatti di essere stata anche lei abusata da quando aveva circa otto anni, sempre nella stessa abitazione dove veniva invitata anche con la scusa di ricevere caramelle e giocattoli.

La loro cugina, anche lei appena minorenne, ha invece riferito di molestie subite la scorsa estate. I genitori delle ragazze, risultati all’oscuro di tutto, hanno dichiarato di non aver mai sospettato dell’uomo.