Terni hanno concluso un’attività di indagine circa la “scomparsa” di 40 cellulari marca Huawei ed altre apparecchiature elettroniche in ordine e mai pervenuti al magazzino del noto negozio di elettrodomestici ed elettronica “Mediaworld”. L’indagine, scaturita dalla denuncia sporta dal responsabile di magazzino del negozio ha portato i militari ad individuare nel corriere il “buco nero” dei cellulari. Il corriere responsabile della consegna era infatti una donna 42 enne, incensurata, della provincia di Terni, che, firmando falsamente la bolla di consegna si era appropriata degli apparati telefonici. Presso la sua abitazione i carabinieri hanno ritrovato la refurtiva, del valore di circa 8000 euro, che è stata immediatamente restituita al negozio di Terni.
La donna è stata deferita all’A.G. ternana per falsità ideologica e furto aggravato.