Il prorettore dell’Università per Stranieri di Perugia, Dianella Gambini, ha convocato per lunedì 14 dicembre un’adunanza straordinaria del Consiglio di amministrazione sulle “problematiche correlate all’esecuzione dell’ordinanza interdittiva riguardante la sospensione dall’esercizio di pubblico ufficio della Rettrice (Giuliana Grego Bolli) e del Direttore generale (Simone Olivieri) e l’assunzione da parte di tale organo interno di determinazioni in merito”. I due sono stati coinvolti nell’indagine sull’esame “farsa” per la conoscenza dell’italiano sostenuto dal calciatore Luis Suarez.

L’Ateneo ha reso noto che “data la gravità della situazione” è stata invitata ad essere presente all’adunanza l’Avvocatura distrettuale di Stato. Sono stati inoltre invitati a presenziare i componenti del Collegio dei revisori dei conti del Consiglio di amministrazione.

Già due giorni fa  il Senato accademico aveva auspicato per i destinatari delle misure interdittive un “passo indietro” quale “atto di responsabilità” “al fine di agevolare un rapido avvicendamento della governance nel superiore interesse dell’Istituzione”.

Lo stesso Consiglio di amministrazione aveva sollecitato al direttore generale di “valutare quale atto di responsabilità l’opportunità di rendere tempestivamente le dimissioni dall’incarico, nel superiore interesse dell’Istituzione”.