Saranno quattro gli ospedali umbri, quelli di Perugia, Terni, Città di Castello e Foligno, dove verranno centralizzate le attività per le vaccinazioni anti Covid.

Lo ha annunciato il commissario per l’emergenza Antonio Onnis durante la videoconferenza stampa settimanale sullo scenario legato alla pandemia. In costante aggiornamento con la cabina di regia nazionale, ha parlato di “uno sforzo organizzativo importante” visto anche il supporto che ci sarà della Protezione civile e dell’Esercito. Considerato che ci saranno poi – ha aggiunto Onnis – tutte quelle somministrazioni da fare a domicilio e anche in residenze protette, carceri, e altre strutture”.

Per il commissario “da qui al prossimo autunno non meno di 200 mila persone si dovranno vaccinare in Umbria”. Onnis ha quindi sottolineato che l’effetto dell’attività vaccinale in Umbria si vedrà “solo quando si potrà raggiungere un livello di copertura appropriato”.

Per quanto riguarda invece il vaccino antinfluenzale, l’assessore regionale alla Sanità Luca Coletto ha evidenziato il dato del 70% per quanto riguarda la copertura raggiunta. “A metà dicembre – ha proseguito – arriverà un’altra partita di vaccini per superare così il 75%, una cifra mai raggiunta in Umbria”.