Si parlerà anche del caso dei due ragazzi morti a Terni per un malore dopo avere assunto metadone alla settima conferenza internazionale sulle nuove sostanze psicoattive, che si svolgerà online il 18 e il 19 novembre con esperti mondiali del settore. Previsto anche il lancio della International Society for the Study of Emerging Drugs (Issed).

Obiettivo dell’appuntamento – spiegano i promotori – è inoltre di promuovere soluzioni innovative sul campo durante la pandemia Covid, che sta già spingendo i servizi sanitari al limite.

La conferenza è co-organizzata da Issed, Università dell’Hertfordshire, Nazioni Unite, World Anti-Doping Agency, L’European Monitoring Centre for Drugs and Drug Addiction (Emcdda) e altre organizzazioni unite contro la droga e il crimine con centinaia di partecipanti in tutto il mondo.

La professoressa Ornella Corazza, presidente del congresso e della Issed, ha spiegato che queste sostanze “compaiono molto rapidamente sul mercato e includono un numero crescente di droghe altamente potenti, come cannabinoidi o oppioidi sintetici, che presentano nuovi rischi per i consumatori”. “Il loro mercato illegale in particolare sul dark-web – ha aggiunto – è’ aumento soprattutto all’epoca della pandemia Covid-19″.

Tra i relatori lo psichiatra e geriatra Antonio Metastasio, originario della città umbra dove sono avvenuti i decessi dei due ragazzi, che vive e lavora in Inghilterra.