Dura presa di posizione del consigliere comunale di Terni Alessandro Gentiletti, Senso Civico, sulle recenti decisioni prese dalla Regione Umbria in materia di sanità e che secondo Gentiletti vedono da parte del sindaco un incomprensibile immobilismo – ” È grave che la nostra amministrazione comunale ed il nostro sindaco non abbiano ancora alzato la loro voce, come chiediamo in tanti da tempo e come hanno fatto altri, per difendere la nostra sanità e quella della provincia di cui siamo capoluogo.” Ecco come inizia il post di Gentiletti su Facebook, che prosegue ” L’amministrazione comunale di Terni deve unirsi a chi si batte per difendere l’ospedale di Narni e di Orvieto e per fare proprie le richieste dei lavoratori che hanno manifestato proprio in questi giorni davanti alla nostra azienda ospedaliera ternana, indicando punti di intervento precisi e le inadempienze del governo regionale. Questi ultimi hanno chiesto alla Regione un piano straordinario per il potenziamento degli organici, la riorganizzazione della rete ospedaliera e l’integrazione fra azienda ospedaliera e azienda territoriale. Hanno chiesto che sia garantita la fornitura di D.P.I., la sorveglianza sanitaria degli operatori e i servizi territoriali. Su tutto questo è inaccettabile che il sindaco e l’amministrazione comunale tacciano per non disturbare il loro governo regionale. La città viene prima dell’appartenenza politica, chiede unità e azioni efficaci. Siamo amministratori locali, non cheerleader!”

INIZIATI A PERUGIA I LAVORI PER LA COSTRUZIONE DELL’OSPEDALE DA CAMPO