C’è finalmente una soluzione per il rifacimento del ponte pedonale che collega il parcheggio all’area della basilica di San Valentino. Stamane, infatti, la Giunta comunale di Terni, su proposta dell’assessore ai lavori pubblici Benedetta Salvati, ha approvato il progetto definitivo per la manutenzione straordinaria del ponte e la sostituzione delle attuali travature lamellari deteriorate con una nuova struttura in metallo che conserverà comunque la geometria dell’esistente. Potrà anche essere riattivato l’ascensore dal momento che ne è stata assicurata la videosorveglianza tramite le apparecchiature e la centrale di TerniReti.

“Nell’ambito del programma triennale delle opere pubbliche – spiega l’assessore Salvati – è stata prevista la possibilità di accedere ad un mutuo della Cassa Depositi e Prestiti per la somma necessaria all’intervento che è di circa 100mila euro. Ora si procederà alla redazione del progetto esecutivo e quindi all’affidamento dei lavori con le procedure di legge”.

La passerella e il parcheggio vennero realizzati nell’ambito degli interventi per il Grande Giubileo del 2000 con i fondi dei quali il Comune di Terni risultò assegnatario e che rientravano in un più ampio progetto di riqualificazione dell’area prospiciente la Basilica di S. Valentino con la realizzazione di un’ampia area a parcheggio pubblico accessibile direttamente da via San Valentino, una struttura edilizia per servizi igienici pubblici al piano terra ed un ascensore di collegamento tra il parcheggio ed una passerella sopraelevata che, scavalcando via San Valentino, si connettesse direttamente al Sagrato attraverso il parco della Basilica.

“Quella passerella realizzata in legno lamellare ha avuto diversi problemi e non ha consentito una piena utilizzazione dell’intero intervento. Ora, dopo gli interventi di manutenzione che hanno già riguardato l’area del parcheggio e di via San Valentino e che dovranno essere completati, proviamo a restituire decoro e funzionalità ai servizi di un’area che deve diventare strategica per l’attrattività della città, una volta superata questa fase d’emergenza che stiamo vivendo”, conclude l’assessore Salvati.