La collaborazione, presente già dal 2018, e rinnovata   col protocollo d’intesa siglato, nel mese di settembre, dal commissario straordinario dell’azienda sanitaria dr. Massimo De Fino e dal comandante della caserma, generale di brigata Daniele Tarantino, ha impegnato il personale della Usl Umbria 2 a garantire tutte le attività di sorveglianza sanitaria per prevenire ed intervenire in caso di diffusione del virus alla “Gonzaga”. Ora, grazie alla  disponibilità della Protezione Civile Nazionale e del Ministero della Difesa, che autorizza  in Umbria 3 squadre di militari ad affiancare le Aziende Sanitarie nella effettuazione di tampone nel drive trough,  è un contingente dell’esercito a supportare il lavoro dei sanitari del distretto di Terni nella postazione “drive trough” di viale Bramante dove, ogni giorno, si effettuano centinaia di tamponi alla popolazione.

Il contingente di militari, giunto nel fine settimana a Terni per allestire, nell’area “drive trough” della sede centrale dell’azienda sanitaria, una postazione mobile utile per rafforzare la logistica e per l’organizzazione delle attività, affiancherà da domani, lunedì 2 novembre, gli operatori del distretto di Terni Usl Umbria 2 per il monitoraggio, attraverso l’esecuzione di un tampone rinofaringeo, delle condizioni di salute dei cosiddetti “contatti stretti”, ossia di coloro che sono a rischio infezione per aver frequentato e interagito con soggetti risultati positivi al Covid-19.
È utile ricordare, anche in questa occasione, l’accesso alle postazioni “drive trough” non è diretto ma avviene su prenotazione dopo esser stati contattati telefonicamente dal personale preposto della Usl Umbria 2 che fornirà tutte le indicazioni utili per l’esecuzione del tampone nasofaringeo.

Attualmente a Terni, nella nuova postazione tamponi in modalità “drive trough” di viale Bramante, la Usl Umbria 2 esegue circa 300 tamponi al giorno cui si aggiungono oltre 150 tamponi di controllo e di guarigione eseguiti negli ambulatori e a domicilio dal personale infermieristico e dalle Usca del distretto di Terni, le unità speciali di continuità assistenziale, rafforzate nei giorni scorsi dalla direzione strategica aziendale con l’ingresso di 9 dirigenti medici.

TERNI: MUORE UN 55ENNE TERNANO POSITIVO AL COVID