Ha continuato a riscuotere la pensione d’invalidità per conto della moglie, tunisina, nonostante questa, precedentemente residente a Gualdo Tadino, fosse stata cancellata dall’anagrafe comunale (perché senza permesso di soggiorno) perdendo così il diritto a percepirla: con questa accusa la guardia di finanza di Gubbio ha denunciato a piede libero i due coniugi.

Specifiche indagini economico-finanziarie, nonché appostamenti e pedinamenti, hanno permesso di cogliere l’uomo “sul fatto”. Secondo le fiamme gialle almeno 19 mila euro risultano essere stati indebitamente ottenuti dalla coppia.

I coniugi sono stati denunciati per truffa e sono state avviate le procedure per recuperare le somme.