In Umbria sarà attivata la didattica a distanza giornaliera prevista per il 50% degli studenti delle scuole superiori. Dal 21 ottobre, per consentire alle scuole e agli studenti di adeguarsi, e fino al 14 novembre.

Dai nidi alle scuole medie è invece confermata la presenza. Si sta lavorando, inoltre, sulla possibilità di somministrare test rapidi agli studenti e ai familiari, anche attraverso le farmacie.

Ad annunciarlo è stata la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, illustrando i nuovi provvedimenti per la prevenzione e il contenimento della diffusione del Covid-19.

“Vedremo come evolverà la situazione epidemiologica e nulla esclude che le percentuali della didattica a distanza possano essere anche superiori in futuro” ha sottolineato la Tesei.

“Per quanto riguarda l’Università, vista l’autonomia gestionale dell’Ateneo, già si applica il metodo misto in presenza e a distanza – ha aggiunto Tesei – ma andremo a sollecitare una didattica a distanza intorno al 70%, per garantire lezioni in presenza a un numero contenuto di studenti e soprattutto per le matricole primo anno”.