Il vice ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Giancarlo Cancelleri, ha nuovamente effettuato un sopralluogo al cantiere Ircop, nel tratto di strada umbro della Terni-Rieti, fermo da anni a causa del fallimento dell’impresa che inizialmente si era aggiudicata i lavori (la Tecnis), ma che, grazie all’impegno del governo Conte, dallo scorso febbraio ha ripreso i lavori con la Ircop. Lavori che ora proseguono in maniera spedita con l’ambizioso obbiettivo di aprire la superstrada entro la fine di quest’anno.

 

“Il cantiere del tratto umbro della Terni-Rieti – ha dichiarato il vice ministro Cancelleri durante il sopralluogo – è un cantiere che mi sta particolarmente a cuore, perché è uno dei primi che abbiamo sbloccato da quando sono stato chiamato dal premier Conte a far parte di questo governo. L’obiettivo che ci siamo dati è quello di restituire questa strada ai cittadini entro la fine di quest’anno. Una battaglia importante che riguarda un cantiere abbandonato dal 2017 – ha continuato il Vice Ministro – e che, grazie ad Anas e al suo amministratore delegato, Massimo Simonini, con il quale abbiamo trovato la soluzione per riavviare i lavori, porteremo a termine nei tempi stabiliti. Purtroppo ci sono stati ritardi a causa del Covid, ma siamo ancora nei tempi ed entro il 2020 questa sfida la vinceremo e la porteremo a casa, così, finalmente, restituiremo al territorio questo collegamento essenziale fra Terni e Rieti. Di questa strada ne sento parlare da sempre – ha concluso Cancelleri – e questo governo, con impegno e serietà, metterà la parola fine a quest’opera incompiuta”.