Dopo l’inevitabile battuta d’arresto nazionale dovuto alle limitazioni imposte dal lock-down che nei mesi trascorsi ha limitato la circolazione sul territorio nazionale per motivi di contenimento dell’epidemia da corona virus, la Sezione Polizia Stradale di Terni ha ripreso ad effettuare controlli su specifici settori del trasporto su strada, compreso quello inerente il trasporto animali vivi. I controlli sono stati effettuati ad ampio raggio tanto che è stato anche fermato e sanzionato un trasporto a fini economici di suini, per il quale è intervenuto sul posto anche il medico veterinario della AUSL Umbria 2 di Orvieto; in tale circostanza gli animali erano movimentati con un viaggio di breve durata, in condizioni di sovraffollamento in relazione alla densità di carico dei capi trasportati, alla superficie di carico e al peso/dimensione dei capi, non garantendo loro lo spazio sufficiente per i movimenti naturali, con rischio di decubito. Al trasportatore veniva contestato il trasporto di animali vivi con modalità non ammesse violazione che prevede la sanzione pecuniaria pari a 1.000,00 euro.