Confartigianato Terni ha sostenuto fin dall’inizio della vicenda della localizzazione temporanea del mercato del mercoledì che la scelta più concreta e al contempo in grado di contribuire al rilancio del cen

tro città, fosse il parco della Passeggiata. La localizzazione di un mercato importante come quello ternano del mercoledì, che ha auspicabili prospettive di miglioramento, per un periodo lungo coincidente con la realizzazione del nuovo palazzo dello sport è una questione complessa che coinvolge problematiche molto diverse (flussi fisici di persone e di veicoli, disponibilità di parcheggi, accessibilità da parte dei cittadini, idoneità del suolo pubblico, accessibilità veicolare e ingombro dei mezzi degli operatori, sicurezza, igiene, ecc.), problematiche che se sottovalutate possono generare caos e disagi nell’area urbana interessata, oltre che deprimere economicamente il mercato stesso.

L’area della Passeggiata è l’unica che può garantire un impatto sostenibile rispondendo efficacemente a queste esigenze e pertanto, se non esistono motivazioni ostative di carattere tecnico oppure contrarietà degli operatori (entrambe non risultano allo stato attuale) rimane la soluzione più concreta. La localizzazione del mercato alla Passeggiata infatti può creare un circolo virtuoso di rilancio del centro città e l’area per le sue caratteristiche e vocazioni appare idonea: chiusura al traffico ordinario, fondo già asfaltato, compatibilità con le attività ordinarie (destinazione pubblica del parco a servizio del centro urbano e destinazione pubblica del mercato a servizio di tutti i cittadini).

Confartigianato Terni si limita a far presente che la sottovalutazione di queste problematiche ha già determinato la scelta dello Staino da parte dell’amministrazione Comunale, che, come purtroppo era facilmente prevedibile, si è rivelata una soluzione non sostenibile.