Nel corso della mattinata odierna, a conclusione di mirati accertamenti, i militari del Comando Stazione Carabinieri di Terni hanno proceduto al deferimento in stato di libertà alla locale Procura della Repubblica, per il reato di “furto aggravato”, di due persone: una donna italiana di 53 anni, agli arresti domiciliari, e del convivente di origini rumene 51nne, anche lui già noto alle Forze dell’ordine. I due, a seguito del distacco dell’energia elettrica per morosità subìto presso il proprio domicilio, avevano ben pensato di collegare abusivamente le proprie utenze al contatore condominiale; per loro sfortuna gli aumenti del canone condominiale hanno insospettito alcuni condomini che hanno chiesto ed ottenuto specifici approfondimenti che hanno “portato alla luce” la condotta fraudolenta.