L’intervento della Polizia di Stato è stato richiesto ieri sera per una lite fra vicine in un condominio del centro, perché due donne, due cittadine rumene, si erano messe a litigare violentemente, con insulti e minacce, per l’acqua che scendeva dal balcone mentre stavano innaffiando i vasi.   La Squadra Volante è arrivata subito e ha identificato una delle due, mentre l’altra rimaneva ad osservare dal balcone; quando è arrivato il suo turno, la donna ha detto di non voler scendere in strada per paura della vicina ed ha invitato gli agenti a salire.   La donna, però, non solo non ha aperto la porta di casa, ma non ha nemmeno risposto alla telefonata di un vicino, preoccupato che si fosse sentita male; a quel punto, i poliziotti hanno chiamato i Vigili del Fuoco, per aprire la porta, e un’autoambulanza.   Una volta dentro l’abitazione, gli agenti hanno costatato che non solo la donna stava benissimo, ma che si era anche alterata, rifiutandosi di dare le proprie generalità, motivo per cui è stata denunciata.