Continua a far rumore la decisione della Regione dell’Umbria di abrogare il diritto all’aborto farmacologico a domicilio, questa volta è stata l’ex presidente della Camera, Laura Boldrini, a esprimere il proprio dissenso con un post su Facebook.
“Abrogare la delibera che permette l’aborto farmacologico in day hospital o a domicilio, come ha fatto la giunta leghista in Umbria, vuol dire ledere i diritti delle donne.

Si chiama oscurantismo.

E per favore, che la Lega almeno eviti di dire che così fa il bene delle donne.”

Terni praticamente esclusa da tutte le nomine regionali