“La giunta umbra ha agito con buonsenso, garantendo la piena tutela della salute delle donne. La decisione sull’aborto farmacologico è pienamente conforme alle linee guida del ministero, che precisano come sia ‘fortemente sconsigliata la dimissione volontaria contro il parere dei medici prima del completamento di tutta la procedura, perché in tal caso l’aborto potrebbe avvenire fuori dall’ospedale e comportare rischi’. Questi sono i fatti, tutto il resto è sterile polemica e ideologia”. Così il senatore della Lega Simone Pillon sull’abrogazione della delibera che permetteva l’aborto farmacologico in day ospital.

DA RAGIONE AL MARITO DELLA SORELLA E LA MASSACRA DI BOTTE