Il portavoce delle minoranze nell’Assemblea legislativa umbra, Fabio Paparelli, rende noto che, “a seguito di colloqui intercorsi con i referenti di Anas e ministero delle Infrastrutture, confermiamo che entro il mese di luglio la situazione di criticità legata alla chiusura del viadotto Montoro verrà alleviata, grazie a misure che agevoleranno il traffico leggero e la possibilità della riapertura di due corsie alternate per quello pesante, previa verifica e sistemazione delle criticità”. Ringrazia quindi “Governo e Anas per la celerità dei provvedimenti volte a restituire alla comunità un’infrastruttura fondamentale per l’economia locale” e aggiunge che “sono allo studio da parte dei tecnici di Anas e Ministero azioni concrete volte a supportare il traffico veicolare pesante, per evitare che si creino ulteriori strozzature nei collegamenti commerciali che si trovano a transitare su quell’importante arteria nazionale”.

“Si tratta – afferma Paparelli – di un segnale di grande concretezza ed attenzione verso la nostra Regione. Ciò che avevamo richiesto: fare presto e bene. A differenza di quanto frettolosamente sostenuto da alcune forze politiche che dovrebbero ora vestire i panni responsabili da amministratori regionali, l’Umbria non è stata lasciata sola neppure in questa occasione e nonostante la gravità e la complessità del problema, dal Governo nazionale non sono mancati interessamenti e proposte fattive per superare i problemi legati alla chiusura dell’infrastruttura”.