Riteniamo inaccettabile – affermano Senso CivicoM5sPd Terni Immagina - quanto sta accadendo sul fronte scolastico. I genitori non possono essere costretti ad anticipare interamente i soldi per i libri scolastici dei loro figli, addirittura a titolo di caparra che poi potrebbe non essere restituita. Comprendiamo la situazione in cui versano tante attività commerciali ma riteniamo assurdo che il Comune stipuli un accordo scaricando sulle famiglie ternane gli oneri di questa situazione. Dal Comune viene addirittura imposto, senza nessun confronto, ai cittadini ternani  di farsi garanti loro di quello che è di spettanza del Comune sulle cedole librarie, rischiando di perdere loro la caparra, se il Comune non adempie ai suoi doveri entro i termini previsti dall’accordo. Una situazione vergognosa ed inaccettabile, che giustamente sta facendo montare la protesta nella città.