“Abbiamo partecipato ad una videoconferenza con l’assessore alla mobilità Leonardo Bordoni per presentare Terni30eLode.” – Si legge in un post su facebook del MAT (Mobilità Attiva Terni) – “L’idea di istituire una zona 30 all’interno dell’anello viario del centro piace ed ha buone possibilità di vedere la luce. Anche la Superciclabile del Tulipano ha fatto breccia (anche se i costi dell’opera presuppongono uno studio più approfondito)” – Il post prosegue – “Sulle RME invece chiediamo più coraggio: trattandosi di Rete di Mobilità di Emergenza è necessario intervenire quanto prima, utilizzando gli studi dei flussi di traffico già effettuati per il Pums, anche perché la realizzazione delle corsie ciclabili tratteggiate che chiediamo non vogliono stravolgere la viabilità, ma semplicemente adattare le carreggiate delle vie individuate anche alla mobilità ciclabile in sicurezza, riducendole e riconfigurando le aree di sosta (spesso selvaggia, come in Via Curio Dentato…) Abbiamo anche proposto l’istituzione di una Consulta per la mobilità ciclabile urbana e sulla messa in sicurezza del traffico che l’assessore vorrebbe allargata a tutti i portatori di interesse.Fra due settimane l’assessore ci ha dato un altro appuntamento per approfondire il tutto.” – In conclusione il MAT chiede di non perdere una ghiotta occasione per cambiare le cose “Il treno sta passando adesso e questo è il momento di adottare queste misure emergenziali! Forza! Alla riapertura delle scuole vogliamo qualcosa di concreto per la ciclabilità della nostra città!!!”