E’ sceso a 0,53 l’indice Rt per l’Umbria relativo alla diffusione dell’epidemia da Covid-19 secondo i dati resi noti dall’Iss, l’Istituto superiore della sanità. Un valore, che colloca questa regione tra quelle considerate a più “basso rischio” per la diffusione del virus e quindi maggiormente sicure.

Il dato – secondo l’agenzia di informazione Ansa – è contenuto nel rapporto settimanale dedicato dall’Iss all’andamento della pandemia. Nel corso della conferenza stampa convocata per illustrare i dati, il presidente dell’Istituto Silvio Brusaferro ha evidenziato come sia rapidamente rientrato il picco registrato in Umbria nelle scorse settimane e che tante polemiche aveva sollevato.

“Da giorni in Umbria – ha commentato la presidente regionale Donatella Tesei – abbiamo contagi zero, nonostante si stiano facendo tanti tamponi e di conseguenza aumentando anche i numeri dei test. Abbiamo attualmente meno di 90 persone malate su 900 mila abitanti – ha aggiunto la governatrice umbra – due sole delle quali in terapia intensiva, una curva discendente da tanto tempo e tutti i parametri, nessuno escluso, che ci danno oggi come la regione più tranquilla e sicura d’Italia”.

Per la Tesei “andrebbero tenuti in considerazione i numeri reali, perché basterebbe fare un confronto con tutti quelli di altre regioni italiane per capire in quale situazione si trovi l’Umbria in merito al contagio da coronavirus. In questi mesi – ha aggiunto – abbiamo gestito la pandemia dal territorio e non siamo mani andati in crisi anche sul versante dei ricoveri negli ospedali”.

La Presidente Tesei ha inoltre parlato di “una regione, l’Umbria, pronta ad ospitare i turisti per le prossime vacanze che qui – ha concluso – si possono fare davvero in tutta sicurezza”.