Sono 200 le guardie giurate volontarie che potranno proseguire le attività di controllo, in materia di caccia e pesca, su tutto il territorio provinciale fino a fine ottobre.

Lo ha deciso la Provincia di Terni che ha rinnovato le autorizzazioni in questi giorni per garantire lo svolgimento corretto e in continuità sul fronte della sorveglianza su eventuali violazioni delle norme che regolano il settore. Le guardie giurate possono elevare sanzioni amministrative nei casi previsti dalla legge e, soprattutto, monitorare lo svolgimento delle attività ittiche e venatorie in sicurezza e nel rispetto delle regole.

La proroga alle attività di controllo è stata possibile poiché la Provincia è ancora titolare delle autorizzazioni, pur essendo le specifiche deleghe passate alla Regione dell’Umbria. Dei 200 agenti volontari circa 140 svolgono controlli nel settore pesca, il restante in quello della caccia.