La notizia è stata data dal consigliere regionale del PD Tommaso Bori tramite un post su Facebook ecco le sue parole – “Mentre la Giunta Tesei dorme, la ricerca parte grazie al Ministero della Salute insieme all’Istituto Superiore di Sanità e all’Istat.
Saranno coinvolti oltre 5mila asintomatici distribuiti nei comuni di Citerna, Città di Castello, San Giustino, Umbertide, Gualdo Tadino, Gubbio, Sigillo, Perugia, Corciano, Assisi, Bastia Umbra, Deruta, Marsciano, Massa Martana, Todi, Cascia, Spoleto, Bevagna, Foligno, Nocera Umbra, Sellano, Spello, Trevi, Giano dell’Umbria, Gualdo Cattaneo, Allerona, Baschi, Orvieto, Penna In Teverina, Amelia, Avigliano Umbro, Montecastrilli, Narni, Stroncone e Terni.
Da lunedì si inizierà a chiamare le persone e con un prelievo di sangue volontario sarà verificato, in maniera attendibile, la presenza di anticorpi in chi non ha avuto né sintomi né diagnosi: ad oggi prevediamo circa il 20% dei casi non diagnosticati, grazie allo screening potremo stimare la percentuale si diffusione del virus nella popolazione. In Umbria la sanità pubblica e l’università pubblica continuano a fare la differenza.”