In tanti hanno risposto agli appelli di Avis e ieri, in occasione della donazione straordinaria, si sono recati al Sit di Terni e all’ospedale di Narni per donare il sangue.

Trentuno donatori a Terni e otto a Narni in una sola giornata sono un dato che allenta un po’ la tensione per una carenza di sangue che mette a rischio l’attività delle sale operatorie.

“Ad oggi servono tutti i gruppi” dice Mauro Tosi, presidente provinciale di Avis Terni.

Che insieme ai presidenti comunali di Terni e Narni, Patrizio Fratini e Massimo Rossi ringrazia “i donatori, che nel periodo dell’emergenza covid, hanno mostrato una grande solidarietà”.

La settimana scorsa, dopo i ripetuti appelli, c’è stato un crescendo di donazioni. Incrementi costanti culminati a Terni nelle 31 donazioni di domenica, che hanno fatto salire a 107 il numero totale della settimana.

“L’appello è di riprendere a donare con regolarità – dice Tosi. La prenotazione è uno strumento importante. Da questa situazione di emergenza covid è arrivato questo metodo che consente ai donatori di non fare la fila ed evitare assembramenti. Si è dimostrato un sistema molto efficace per il coordinamento dei donatori. In questi giorni stiamo mettendo a punto un sistema di prenotazione online per migliorare il servizio”.