Un appello a donare il plasma iperimmune quale arma contro la polmonite da virus Covid-19 è stato lanciato dall’Assessorato regionale umbro alla Salute e dal Centro regionale sangue.

I donatori – è stato spiegato – devono essere guariti dall’infezione con due tamponi negativi, essere trascorsi almeno 14 giorni dall’esito del secondo test, avere un’età non superiore a 60 anni, non avere fatto trasfusioni di sangue e, per le donne, non aver mai partorito.

“Il Centro regionale sangue d’intesa con l’Assessorato alla Sanità – spiegano l’assessore, Luca Coletto, e il direttore della struttura, Mauro Marchesi – ha aderito ad uno studio sperimentale promosso dalla Regione Toscana per utilizzare a scopo terapeutico il plasma iperimmune di pazienti convalescenti e guariti sui malati con polmonite. La possibilità di ottenere immediatamente l’immunizzazione contro agenti infettivi somministrando anticorpi specifici contenuti nel plasma ottenuto dai soggetti guariti, ha dimostrato una possibile efficacia in pazienti affetti da polmonite”.