E’ ritenuta una catena di attività che ha portato all’evasione di 900 mila euro di imposte, attraverso l’emissione di fatture per operazioni inesistenti per 2 milioni di euro quella individuata dalla finanza di Assisi.

Nell’operazione denominata ‘Paper-Gratis’, sono state denunciate 12 persone per i reati di emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. Gli accertamenti sono partiti da una verifica fiscale su un’impresa che formalmente opera nel settore edile ma, secondo le Fiamme gialle, costituita con l’unico obiettivo di emettere fatture false.

E’ quindi risultata il primo anello di una catena di attività ramificate in diverse aree d’Italia. Lo sviluppo delle indagini ha consentito di scoprire altre imprese, con sede nelle province di Padova e Venezia (una fa capo a un “noto deejay”, definito ideatore e artefice della truffa), che fungevano da ‘schermo’.