La natura continua a stupire all’Oasi Wwf di Alviano, dove proseguono gli avvistamenti di uccelli rari. Da lunedì scorso, secondo quanto segnalato dal responsabile dell’oasi Alessio Capoccia, 15 mignattai hanno infatti deciso di sostare nella riserva.

Trampoliere dell’ordine dei ciconiformi, il mignattaio, specie rarissima, in Italia è presente in modo molto localizzato e con popolazioni piuttosto ridotte. Tra le peculiarità di questa specie – spiegano dal Wwf – risalta il lungo becco incurvato verso il basso, talmente prominente da permetterle di procacciarsi facilmente il cibo, camminando sull’acqua bassa della palude.

Oltre al becco, il mignattaio si fa notare anche per il particolare piumaggio, per lo più nerastro, ma con ampie sfumature cromatiche sul dorso, riflessi ‘metallici’ che risaltano iridescenti alla luce del sole. “Il nostro augurio – dice Capoccia – è che al più presto le famiglie e gli appassionati possano tornare a godere di queste straordinarie bellezze”.

foto Ansa