Raccolta fondi tra i detenuti del circuito penitenziario ‘Alta sicurezza’ del carcere di Terni, mobilitatasi spontaneamente a favore della Protezione civile di fronte all’emergenza sanitaria dovuta al coronavirus.

La somma raccolta – spiegano dalla casa circondariale – è di 970 euro, interamente donata al dipartimento della Prociv tramite il conto corrente bancario previsto nell’ambito del decreto Cura Italia.

L’iniziativa, secondo il direttore della struttura, Luca Sardella, “esprime, da parte della popolazione detenuta, vicinanza e grande senso di responsabilità di fronte al dramma di una pandemia che ha colpito I’Italia e il mondo intero”.