Per i Carabinieri della Sezione Radiomobile di Terni e per una cagnolina breton, il Lunedì dell’Angelo appena trascorso sarà un giorno davvero memorabile. Alle prime luci del giorno, i militari in servizio di controllo del territorio per il rispetto delle prescrizioni in tema di contenimento del contagio da COVID-19 stavano percorrendo il tratto della E-45 che da Terni va in direzione del capoluogo della Regione quando, all’interno della galleria di “Colle Capretto”, lunga all’incirca 1200 metri, hanno notato la cagnolina che vagava pericolosamente al centro della carreggiata stradale, rischiando seriamente di essere investita da un’auto in transito. Senza pensarci un momento, i militari hanno azionato le luci di segnalazione e, scesi dall’autoradio, con non poche difficoltà sono infine riusciti a trarre in salvo la breton, mettendola al sicuro all’interno della cellula posteriore del veicolo. Inizialmente spaventata, ha ben presto fatto amicizia con i militari con i quali ha anche iniziato a giocare festosa. Grazie al microchip sottopelle e alla collaborazione dei militari della Stazione Carabinieri Forestale di Acquasparta, si è riusciti a risalire al proprietario dell’animale, un cittadino di San Gemini la cui abitazione dista circa 600 metri dal tratto stradale, alle cui cure è stato restituito.